BAROMETRO FOOD 2016

19 settembre 2016
BAROMETRO FOOD 2016

Ecco cosa mangiano gli Italiani in pausa pranzo: boom di cibi a KM 0 e vendita di pasti salutari in aumento

Il 38% dei ristoratori italiani percepisce una crescita del consumo di piatti equilibrati e in linea con una dieta sana. Italiani salutisti durante la pausa lavorativa preferiscono evitare snack grassi (50%) e sono costanti nel seguire principi salutari (40%).

È a Messina il ristorante col menu più salutare secondo i voti espressi dalla community internazionale dei lavoratori beneficiari di Ticket Restaurant®

Milano, 25 ottobre 2016. Edenred ha pubblicato i risultati dell’ottava edizione del Barometro FOOD, un’indagine sulle abitudini dei lavoratori in pausa pranzo realizzata in otto paesi (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Italia, Portogallo, Slovacchia e Spagna) in collaborazione con FOOD*, consorzio pubblico-privato europeo coordinato da Edenred, l’inventore del Ticket Restaurant®, che ha lo scopo di sensibilizzare dipendenti e ristoratori sui vantaggi di una dieta salutare e bilanciata e sui rischi dell’obesità

L’edizione 2016 ha coinvolto oltre undicimila lavoratori europei e quasi duemila ristoratori. Mai come quest’anno la percentuale dei dipendenti che si sono dichiarati attenti a consumare pranzi equilibrati è stata così alta, con quasi il 50% dei lavoratori che presta un particolare interesse a questo specifico aspetto. Allo stesso modo, il 40% dei ristoranti osservano un costante aumento della richiesta di pasti bilanciati all’insegna di un’alimentazione sana e sostenibile.

Ecco alcuni highlight sull’Italia emersi dallo studio.

LAVORATORI ITALIANI: NEL PIATTO DELLA PAUSA PRANZO CIBI SANI, DI STAGIONE E A KM 0

            Il 55% preferisce scegliere un piatto salutare in pausa pranzo

il 77% sottolinea l’importanza di mangiare cibo stagionale e a KM 0

il 50% evita snack grassi, salati o zuccherosi

il 40% è costante nella dieta salutare

il 46% sceglie un tipo di preparazione che non prevede l’aggiunta di grassi

il 60% non giudica indispensabile mangiare grosse quantità di cibo in pausa pranzo

l’84% ritiene importante che le pietanze abbiano buone e bilanciate qualità nutrizionali

il 20% mangia frutta 5 volte al giorno

il 33% mangia legumi o cereali in pausa pranzo

DAI DIPENDENTI ARRIVA LA RICHIESTA DI UN MAGGIOR COINVOLGIMENTO DA PARTE DELL’AZIENDA PER LA PROMOZIONE DI UNO STILE DI VITA SANO

il 40% gradirebbe che l’azienda fornisse gratuitamente frutta fresca in ufficio o sul luogo di lavoro

      il 60% vorrebbe avere accesso ad offerte per praticare attività fisica in palestra

RISTORATORI ITALIANI: CRESCE LA RICHIESTA DA PARTE DEI CLIENTI DI PIATTI SALUTARI

            Il 37% del campione ha rilevato nell’ultimo anno un aumento della domanda di cibi equilibrati e             salutari

Il 38% dei ristoratori ha percepito negli ultimi 12 mesi una crescita del consumo di piatti equilibrati e in linea con una dieta sana

A MESSINA IL RISTORANTE COL MENU PIU’ SALUTARE

In contemporanea con la divulgazione dell’ultimo report del Barometro FOOD, Edenred, inventore del buono pasto Ticket Restaurant®, rende noti anche i risultati di #myidealrestaurant, concorso svolto tra i ristoranti dei 42 Paesi dove sono diffusi i suoi buoni pasto e indetto dalla società per eleggere i locali dai menu più salutari tra quelli affiliati al suo network

Uno dei due vincitori del concorso internazionale è risultato il ristorante L’Ancora di Messina, primo nella categoria “Informazione ai Consumatori” e “Pratiche Ambientali”. Il locale è stato il più votato tra i lavoratori beneficiari dei Ticket Restaurant® sia per i menu innovativi che presentano, oltre alle indicazioni sugli allergeni, anche i valori nutrizionali, le calorie, la tipologia di cibo (ad esempio vegano, vegetariano o rispettoso delle indicazioni di credi religiosi), sia per aver creato una app personalizzata dove il cliente può prenotare un piatto tra quelli offerti, scegliendolo in base al numero di calorie che vuole consumare per il pasto, ai suoi gusti e ad eventuali allergie.

Il ristorante messinese è stato inoltre votato per il proprio progetto di alimentazione sostenibile che punta, da un lato, a ridurre l’impatto ambientale dell’attività di ristorazione migliorando le gestione degli scarti, dei resi e dei rifiuti e, dall’altro a servirsi di fornitori locali a KM 0 per la frutta, la verdura e il vino.

UNA PANORAMICA DI QUELLO CHE ACCADE NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI

La scelta di una pausa pranzo salutare e all’insegna dell’equilibrio nutrizionale sembra essere diventata un tendenza comune tra i lavoratori anche nel resto d’Europa e non soltanto in Italia. La qualità nutritiva e l’utilizzo di prodotti di stagione sono gli aspetti le cui percentuali si attestano al livello più alto in assoluto mai raggiunto, rispettivamente al 80% e 70% del campione intervistato.

Ecco alcuni highlight sui paesi europei emersi dallo studio.

I FATTORI CHE INFLUENZANO LE SCELTE ALIMENTARI DEI LAVORATORI EUROPEI

 

Quasi il 50% dei dipendenti dichiara che l’equilibrio delle pietanze influenza la propria scelta alimentare al momento del pranzo, subito dopo il desiderio di cosa mangiare in quel momento (51,7%) e prima delle considerazioni sul prezzo (42,7%).

Quasi l’80% dei lavoratori considera la qualità nutritiva importante, o persino molto importante, quando sceglie il ristorante per la pausa pranzo.

Quasi il 70% dei dipendenti ritiene che sia importante, o persino molto importante, che i ristoranti usino e ingredienti di produzione locale di stagione.

DAL PUNTO DI VISTA DEI RISTORATORI: CRESCONO LE VENDITE DI PASTI SANI

           Il 40% dei titolari e del personale dei ristoranti ha osservato un aumento della domanda di pasti                   equilibrati.

Il 36% dei ristoranti ha notato un incremento delle vendite di pasti sani.

           Il 53% dei ristoranti nega che sia più costoso preparare pasti sani.

BAROMETRO FOOD 2016
Up Arrow