Anche la Provincia di Belluno alla Conferenza Internazionale sul Gelato Artigianale

13 novembre 2017
Anche la Provincia di Belluno alla Conferenza Internazionale sul Gelato Artigianale

La MIG, in programma quest’anno dal 3 al 6 dicembre, si presenta con diverse nuove aziende. 

“Non dobbiamo mai dimenticare chi siamo e da dove veniamo. Il territorio della Provincia di Belluno è il luogo da dove è iniziata la storia di quei gelatieri che hanno saputo conquistare il mondo con l’arte del gelato. In particolare Longarone attraverso la MIG – Mostra Internazionale del Gelato Artigianale, rappresenta un punto di riferimento per le aziende del settore. La MIG, in programma quest’anno dal 3 al 6 dicembre, si presenta con diverse nuove aziende che sostituiranno altre per le quali le porte saranno sempre aperte. Nostro dovere è la valorizzazione di tutte le fiere italiane del settore per ribadire il ruolo centrale del nostro Paese riguardo il gelato artigianale, simbolo di eccellenza del Made in Italy”. Con queste parole il Presidente della Provincia di Belluno e Sindaco di Longarone, Roberto Padrin, mercoledì 8 novembre, dal palco del Palacongressi di Rimini ha salutato gli oltre duecento partecipanti alla CIGA, la Conferenza Internazionale sul Gelato Artigianale. Tra i presenti anche il Vicepresidente di Longarone Fiere Dolomiti, Giorgio Bosa che ha definito l’evento “un momento imperdibile di approfondimento e di formazione dove tutti gli interventi, di assoluto valore, sono stati concordi nell’affermare l’importanza di migliorare la comunicazione nel settore del gelato artigianale, mettendo al centro il prodotto, lasciando da parte i personalismi”.

Sicuramente grande è stata la soddisfazione da parte dell’ideatore e organizzatore dell’evento, Franco Cesare Puglisi, il quale ha ritenuto un valore aggiunto l’essere riusciti, durante il convegno, a costruire una proposta, ossia la costituzione di un CECC – Comitato Etico Coordinamento Comunicazione che sia rappresentativo di tutta la filiera, dalle associazioni dei gelatieri alle associazioni delle aziende, dalle Fiere alle riviste del settore per uno sviluppo e una diffusione della cultura del gelato verso il consumatore finale. “Un’iniziativa lodevole quest’ultima – a detta di Giorgio Balzan, Presidente di Longarone Fiere Dolomiti – per la quale siamo disponibili da subito a sederci attorno a un tavolo di lavoro”. 

Approfondimenti
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft

Spesso le differenze tra gelato artigianale, gelato industriale e gelato soft non sono a tutti note, sebbene in Italia la presenza di un gran numero di gelaterie artigianali e una storica cultura del gelato faciliti questa distinzione.

L’ossidazione e la conservazione del gelato
L’ossidazione e la conservazione del gelato

L’ossidazione è una reazione chimica durante la quale si verifica una perdita di qualità causata dalla combinazione con l’ossigeno. Tale reazione causa una degradazione irreversibile che a sua volta comporta un’alterazione delle proprietà e delle caratteristiche del gelato.

Per un buon gelato alle castagne
Per un buon gelato alle castagne

Come per ogni altro lavoro artigianale, anche per il gelato, in questo caso alle castagne, è necessario conoscere molto bene le materie prime e i semilavorati, la loro funzione oltre che il processo produttivo.

Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato
Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato

Gli ingredienti composti per gelato, precedentemente identificati come “semilavorati per gelateria” sono delle miscele di ingredienti in polvere o in pasta che affiancano il gelatiere nella preparazione delle miscele (stabilizzazione) e nella loro aromatizzazione.

Il bilanciamento
Il bilanciamento

Nel gelato vi sono molti ingredienti, ciascuno con proprietà molto differenti, che devono essere miscelati  secondo regole ben precise, facendo in modo che siano in equilibrio fra loro. 

Gelato di vino
Gelato di vino

Al Moscato d'Asti, al Recioto di Soave, al Marsala e chi può ne ha più ne metta, tanti quanto ce ne possono stare nelle decine di doc e docg italiane. Una moda passeggera, quella dei gelati al gusto di vino? Non proprio, se pensiamo che alcune ricette risalgono a qualche secolo fa...

Il gelato di frutta
Il gelato di frutta

Il gelato di frutta ha caratteristiche peculiari di composizione e di gusto che richiedono una lavorazione diversa da quella degli altri gelati artigianali. In particolare, per esaltare il sapore del frutto fresco, si cerca di evitare del tutto la pastorizzazione o perlomeno di condurla a bassa temperatura; se si accetta di rinunciare alla cremosità del gelato a favore di un gusto più spiccato della materia prima, poi, si sceglierà di fare dei sorbetti invece che del gelato.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limoneUna ricetta che tutti possiamo mettere in pratica in occasione di una cena, la quali preveda magari piatti elaborati e non proprio leggeri, è quella del sorbetto al limone. Utile per dar sollievo agli stomaci dei commensali, fornire uno stacco piacevole tra una portata e l'altra o per chiudere una cena con un dessert di facile preparazione.
Crepes: la ricetta base
Crepes: la ricetta baseLe crepes sono tra le preparazioni dolciarie più adatte ad accompagnare un buon gelato artigianale e sono molto semplici da eseguire. Ecco la ricetta per cucinare da 10 a 15 crepes dolci, a seconda della grandezza della padella utilizzata.
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianale
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianalePer un gelato artigianale che vanti qualità elevate conta moltissimo la modalità di conservazione. Senza trascurare gli accorgimenti per esporre il prodotto finito nel modo migliore e non comprometterne le caratteristiche di bontà e forma.
Up Arrow