Speciale cioccolato - I Parte

Speciale cioccolato - I Parte

Il cioccolato si consuma in diversi modi: come bevanda, in stecche, ingrediente di dolci e, ovviamente, come gusto di gelato. Alla base del cioccolato c’è la pianta del cacao, specie antichissima le cui proprietà erano già note alle società precolombiane che erano solito mangiare e bere lo Xocoatl!

Storia del cioccolato

I primi ad aver sviluppato la coltivazione della pianta del cacao sono stati i maya intorno all’anno 1000 A.C. La pianta si è quindi diffusa tra le terre dell’America Latina che vanno dal Messico del Sud al Guatemala fino all’Honduras. Per le civiltà precolombiane i frutti della pianta del cacao erano considerati una merce di scambio preziosissima, basti pensare che uno schiavo veniva comprato per 10 semi di cacao.

Dopo i maya, la coltivazione del cacao è proseguita con gli aztechi, che hanno attribuito alla pianta valore mistico e religioso. Il cacao veniva infatti offerto in dono alle divinità dai sacerdoti durante le cerimonie. Gli aztechi sono stati tra i primi a consumare il cacao come bevanda: una volta tostati, macinati e mescolati con acqua, i semi di cacao, aromatizzati con peperoncino o pepe, diventavano Xocoatl, antenato della moderna cioccolata da bere. Dal sapore amaro e particolarmente sgradevole, secondo le testimonianze del conquistadores, lo Xocoatl veniva usato per alleviare il dolore e infondere energia. Gli atzechi consumavano cioccolato anche in forma solida, pestando i semi di cacao su una pietra fino a ricavarne una pasta densa e granulosa.

L’arrivo del cacao in Europa si deve al conquistatore spagnolo Hernàn Cortès, riconosciuto dall’imperatore azteco Montezuma come la reincarnazione del dio Quetzalcoàtl che, secondo una profezia, sarebbe arrivato sulla Terra proprio nel 1519. Cortès ricevette in dono, oltre ad altri preziosi, un’intera piantagione di cacao. Si deve agli europei la cioccolata da bere per come la intendiamo oggi: pepe e peperoncino furono sostituito dagli spagnoli con zucchero e vaniglia per rendere la bevanda più dolce. Intorno al XVII secolo il cioccolato si era diffuso in tutta Europa e la produzione passava dai monasteri e conventi alle fabbriche.

In questo periodo Torino diventa la città italiana più importante per la produzione di cioccolato: ancora oggi questa zona produce quasi la metà dell’intera produzione nazionale. Il processo di industrializzazione favorisce anche la lavorazione del cacao: non è più necessario frantumare a mano i semi di cacao, le macchine a vapore sono infatti in grado di lavorare grandi quantità di materiale.

In questo modo, a fine 700, il cioccolato non è più una prelibatezza per le classi elitarie ma diventa un prodotto alla portata di (quasi) tutti.

 
Approfondimenti
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft

Spesso le differenze tra gelato artigianale, gelato industriale e gelato soft non sono a tutti note, sebbene in Italia la presenza di un gran numero di gelaterie artigianali e una storica cultura del gelato faciliti questa distinzione.

L’ossidazione e la conservazione del gelato
L’ossidazione e la conservazione del gelato

L’ossidazione è una reazione chimica durante la quale si verifica una perdita di qualità causata dalla combinazione con l’ossigeno. Tale reazione causa una degradazione irreversibile che a sua volta comporta un’alterazione delle proprietà e delle caratteristiche del gelato.

Per un buon gelato alle castagne
Per un buon gelato alle castagne

Come per ogni altro lavoro artigianale, anche per il gelato, in questo caso alle castagne, è necessario conoscere molto bene le materie prime e i semilavorati, la loro funzione oltre che il processo produttivo.

Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato
Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato

Gli ingredienti composti per gelato, precedentemente identificati come “semilavorati per gelateria” sono delle miscele di ingredienti in polvere o in pasta che affiancano il gelatiere nella preparazione delle miscele (stabilizzazione) e nella loro aromatizzazione.

Il bilanciamento
Il bilanciamento

Nel gelato vi sono molti ingredienti, ciascuno con proprietà molto differenti, che devono essere miscelati  secondo regole ben precise, facendo in modo che siano in equilibrio fra loro. 

Gelato di vino
Gelato di vino

Al Moscato d'Asti, al Recioto di Soave, al Marsala e chi può ne ha più ne metta, tanti quanto ce ne possono stare nelle decine di doc e docg italiane. Una moda passeggera, quella dei gelati al gusto di vino? Non proprio, se pensiamo che alcune ricette risalgono a qualche secolo fa...

Il gelato di frutta
Il gelato di frutta

Il gelato di frutta ha caratteristiche peculiari di composizione e di gusto che richiedono una lavorazione diversa da quella degli altri gelati artigianali. In particolare, per esaltare il sapore del frutto fresco, si cerca di evitare del tutto la pastorizzazione o perlomeno di condurla a bassa temperatura; se si accetta di rinunciare alla cremosità del gelato a favore di un gusto più spiccato della materia prima, poi, si sceglierà di fare dei sorbetti invece che del gelato.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limoneUna ricetta che tutti possiamo mettere in pratica in occasione di una cena, la quali preveda magari piatti elaborati e non proprio leggeri, è quella del sorbetto al limone. Utile per dar sollievo agli stomaci dei commensali, fornire uno stacco piacevole tra una portata e l'altra o per chiudere una cena con un dessert di facile preparazione.
Crepes: la ricetta base
Crepes: la ricetta baseLe crepes sono tra le preparazioni dolciarie più adatte ad accompagnare un buon gelato artigianale e sono molto semplici da eseguire. Ecco la ricetta per cucinare da 10 a 15 crepes dolci, a seconda della grandezza della padella utilizzata.
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianale
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianalePer un gelato artigianale che vanti qualità elevate conta moltissimo la modalità di conservazione. Senza trascurare gli accorgimenti per esporre il prodotto finito nel modo migliore e non comprometterne le caratteristiche di bontà e forma.
Up Arrow