Torino sfida l’autunno con gelato festival

Torino sfida l’autunno con gelato festival

Il miglior gelatiere della tappa accederà alla finale europea 2015 in programma la prossima settimana a Firenze.

Il gusto Ramses e GusTorino aprono l’evento da oggi a domenica 27 settembre in Piazza Solferino

 

Torino 24 settembre 2015 – Novità dell'ultima ora  per il bis di Gelato Festival, evento fra i più amati dai torinesi che torna in Piazza Solferino da oggi a domenica 27 settembre. (Orario della manifestazione  giovedì e domenica dalle 12 alle 22, venerdì e sabato dalle  12 alle 24. Ingresso libero).

In omaggio alla città, all'accoglienza che, dal 2014, riserva a Gelato Festival, gli Organizzatori hanno deciso di lanciare due gusti inediti, fuori concorso. Il gusto Ramses,  dedicato al famoso faraone; spunto per proporre il gelato come lo avrebbero degustato gli antichi egizi: latte, panna, zucchero, formaggio caprino morbido, semola di grano duro, miele, semi papavero. Si tratta infatti della ricetta del dolce preferito di Ramses II. Con questo gusto gli organizzatori di Gelato Festival vogliono celebrare Torino come capitale mondiale dell’antica civiltà egiziana, che con la sua rinnovata struttura museale, si conferma seconda solo al Cairo. Accanto a Ramses anche il GusTorino dedicato al capoluogo piemontese: un voluttuoso caffè con note di cioccolato, variegato con una prelibata crema di latte che richiama il tradizionale bicerin nella variante ... ’n pòc ’d tut.  Gli ingredienti sono latte, panna, zuccheri, caffè e cioccolato. Ad ideare id due gusti Giorgio Zanatta, direttore tecnico di Gelato Festival.

 

La manifestazione, realizzata in collaborazione con il Comune di Torino, la Citta Metropolitana e il sostegno della Confesercenti di Torino e Provincia e l’Associazione Via Santa Teresa per voi, è stata presentata questa mattina in piazza Solferino alla presenza di Giorgio Zanatta, direttore tecnico di Gelato Festival, Domenico Mangone, Assessore al Commercio del Comune di Torino, Anna Ricotti, Presidente Associazione Via Santa teresa per voi. E Barbara Cervetti, Consigliera metropolitana delegata alla cultura, al turismo e allo sport che ha portato il saluto della Città anche a nome del Sindaco Piero Fassino: “Rivolgiamo un cordiale saluto agli organizzatori ed al pubblico che parteciperà al Gelato Festival, manifestazione che la Città Metropolitana di Torino ha voluto patrocinare in considerazione di tre elementi che ne contraddistinguono la formula organizzativa: il rapporto con il nostro territorio, la partecipazione di rinomati maestri gelatieri locali, e il forte legame con i prodotti tipici piemontesi. Vorrei poi sottolineare il coinvolgimento di 25 studenti dell’istituto alberghiero Beccari di Torino, nell’ambito del progetto “Imparare Facendo”: è un’iniziativa molto importante, che avvicina il mondo della scuola alla sapienza e alla tradizione artigiana, in un momento in cui gli istituti alberghieri hanno un forte incremento di iscrizioni. Al Gelato Festival e ai suoi organizzatori auguriamo quindi un grande successo commerciale e un’ottima partecipazione da parte dei torinesi e dei turisti”.

 

Torino è la città che chiude il Tour 2015 di Gelato Festival prima della finalissima europea in programma a Firenze dal primo al 4 ottobre prossimi. Il nome del gelatiere finalista che uscirà dalla tappa piemontese chiuderà la rosa dei circa venti gelatieri che arriveranno in Toscana da tutta Italia e dalle città di Amsterdam, Valencia e Londra.

 

Al centro della manifestazione la gara tra 8 maestri gelatieri, per la prima volta iscritti alla gara, pronti a sfidarsi con altrettanti gusti originali. Nella quattro giorni di manifestazione si avvicenderanno all’interno del Buontalenti, il primo laboratorio mobile da gelateria creato a vista per ammirare proprio la maestria dei gelatieri. A rotazione, su Caterina, la Scuola di Gelato Festival sorella del Buontalenti, i gelatieri presenteranno i rispettivi gusti in gara durante uno show cooking in programma nei quattro giorni dell’evento (calendario su www.gelatofestival.it ). Una giuria tecnica di esperti valuterà i gusti in gara e sceglierà il migliore; il pubblico potrà invece votare il preferito con la Gelato Card.

 

Ecco i maestri gelatieri e i gusti in concorso

  • Guido Cortese (Pietra Ligure, Sv) con Chinotto di Savona 
  • Claudia Masera (Villastelllone, To) con Busa d'Or 
  • Ondrej Stur (Torino) con ArachiMOOU 
  • Paolo Veronese (Chieri, To)con Arancio e Cannella
  • Giuseppe Filippone (La Loggia, To) con Crema Golosia  
  • Riccardo Serra (Torino) con Bônet, 
  • Rita Santangelo (Torino) con Cremino di Torino
  • Barbara Brandani (Druento, To) con Brutto e Buono.

 

Ad accompagnare la competizione dei maestri gelatieri 25 studenti dell’Istituto Alberghiero Beccari di Torino. Ormai da anni Gelato Festival porta avanti il progetto Imparare Facendo con gli istituti alberghieri per rendere il gelato sempre più protagonista nel percorso formativo degli studenti. Obiettivo dell’iniziativa far apprendere arte e tecnica della produzione del gelato di qualità, come una volta si faceva nelle botteghe artigiane.

 

Gusti Speciali

Nutella: Al Gelato Festival c’è uno stand tutto dedicato al gelato artigianale al vero gusto di Nutella. Amor: E’ la novità assoluta di casa Pernigotti dell’estate 2015, è il nuovo gelato Amor, ispirato a una delle versioni dei celebri snack di casa Pernigotti Amor&Pleasure: si tratta di crema al gusto wafer e cioccolato con variegatura di crema di cioccolato e granella di nocciola.
Buontalenti: La specialità a base di panna e crema che dal 1979 ha conquistato i fiorentini e gli amanti del gelato di tutto il mondo. E’ il gusto Buontalenti della gelateria Badiani che quest’anno accompagna tutto il Tour di Gelato Festival 2015.

 

Gusti per tutti

In onore dell’Esposizione Internazionale e a grande richiesta Gelato Festival 2015 dedica un gusto ad hoc firmato dai direttori tecnici dell’evento Antonio Mezzalira e Giorgio Zanatta: il gusto per Expo è sorbetto di mango con variegatura di kiwi e fragola, per riprendere i colori del logo di Expo 2015. E’ a base di acqua per questo assai leggero e indicato per gli intolleranti al latte, il gusto realizzato in collaborazione con Fructa&Co.

 

Gelato Card 

La Gelato Card acquistata online al prezzo di 7 euro fino al giorno precedente l’avvio della manifestazione, dà diritto a 5 coppette di gelato monogusto da scegliere tra i gusti in gara e quelli speciali e a votare il gusto più apprezzato tra quelli in gara vincendo un assaggio da effettuare tra i gusti proposti dai gelatieri. Con la Gelato Card si ha accesso libero ai corsi della Scuola di Gelato Festival. Durante i giorni della manifestazione in piazza la Gelato Card diventa Plus e comprende non solo degustazioni di gelato ma anche il kit completo di Gelato Festival con la bag, che ha spopolato in tutta Europa, il wafer Pernigotti, una bottiglietta d’acqua e un caffè espresso. La Gelato Card acquistata in piazza avrà un costo di 10 euro il giovedì e venerdì, 12 euro il sabato e la domenica. Per coloro che avranno acquistato la card online potranno trasformarla in Plus (e quindi avere bag, acqua, wafer e caffè) pagando alle casse il prezzo integrativo di 3 euro.

 

I Global sponsor di Gelato Festival 2015

Nutella è il Gold Sponsor di tutto il tour: in tutte le tappe sarà possibile assaggiare il gelato al vero gusto di Nutella. Al Gelato Festival sarà presentato il nuovo gelato Amor, ispirato a una delle versioni dei celebri snack di casa Pernigotti Amor&Pleasure. Silver sponsor di tutto Gelato Festival 2015 è Clabo Group, azienda di Jesi, da pochi giorni quotata in Borsa e leader di mercato nel settore degli arredi per la ristorazione. Sponsor della manifestazione sono Bravo, partner ormai storico di Gelato Festival, azienda famosa per la produzione del Trittico e infine Gelco, nuovo partner per materie prime e semilavorati di alta qualità. Gelato Festival “mette le ali”, tutta la movimentazione del Tour è affidata al partner tecnico A.L.H.A. Group. Tra i partner territoriali: la Centrale del Latte di Torino.

 

I MUST del Gelato Festival Torino,  24 -27 settembre

Fra le presenze in aula e le note di colore dell'edizione autunnale di Gelato Festival Torino particolarmente curiose ed originali, segnaliamo:


Sabato 26 settembre

ore 21

La Masera, dinamica e pluripremiata azienda agricola di Piverone (To) che già da tempo organizza un suo “Ice Cream Tour”, propone -   per la prima volta a Gelato Festival  - , un gelato al Passito di Caluso Erbaluce d.o.c.g., realizzato da  Giulio Rocci della Gelateria “Ottimo” di Torino.          

ore 22

Christian Ciacci, Maestro gelatiere che, nel 2014  con la sua Crema di Sale conquistò i favori del pubblico torinese del Gelato Festival, si esibirà  affiancato dalla mamma, Rita Ciacci, cuoca in attività dal 1962  - e fra le più anziane in attività su Torino e provincia – e proprietaria, alla veneranda età di 78 anni, del ristorante Ri...Ciacci. Tra ricordi di famiglia e buona ospitalità, presenteranno insieme un gelato alla pesca con gambero speziato


Domenica 27

ore 17

Nuovamente Chistian Ciacci, questa volta in tandem con Maurizio Camilli, chef del RisTOrante LaPiazza di Torino, sj cimenta nella elaborazione a quattro mani di un filetto di cervo su bisquit salato coperto da un originale gelato al sigaro toscano

(Maurizio Camilli  proviene da grandi collaborazioni con chef stellati. Prima di approdare alla piazza dei mestieri é primo chef di Casa Baladin a Piozzo dove ha raggiunto ambiziosi riconoscimenti tra cui i 3 boccali del Gambero Rosso. Fra i suoi allievi alcuni chef stellati o facenti parte di brigate stellate. Fra i suoi maestri  Walter Eynard,Renato Dominici ed infine ma non ultimo Teo Musso. Chef raffinato che osa con ingredienti particolari e mai scontati abbinati a birre prestigiose di cui è grande conoscitore)

 

Ore 18

Marco Rossi , chef del ristorante La Mugnaia (Ivrea) propone “Passeggiata in Piemonte” show cooking che lo vedrà realizzare un gelato gastronomico con Castelmagno d.o.p. accompagnato da crudo di fassone, cialda di nocciole piemontesi i.g.p. e limone biologico candito.

(Marco Francesco Rossi, canavesano, classe '76, affascinato dalla pedagogia e dalla  fotografia prima ancora che dal fornelli, forte di una  lunga esperienza alla Trattoria “El fornel” in Alice Superiore, in Valchiusella, gestisce locali dall'età di 25 anni. Nel 2011, con la compagna Elisa Campa, sommelier salentina, ha aperto a Ivrea i

l Ristorante La Mugnaia,  sintesi di sapori e passioni di vita e professione)

Torino sfida l’autunno con gelato festival
Up Arrow