Assegnato il premio Mastri Gelatieri 2017

28 novembre 2017
Assegnato il premio Mastri Gelatieri 2017

Premiati Ignazio Di Maio Di Liegi (Belgio) e la famiglia Vivoli di Firenze (Italia). La consegna domenica 3 dicembre all’inaugurazione della 58esima edizione di Mig, 

Il 22esimo premio internazionale “Mastri gelatieri”, che Longarone Fiere Dolomiti attribuisce ogni anno per segnalare al mondo del gelato artigianale personaggi o famiglie che abbiano dato un apporto concreto alla promozione e alla valorizzazione del gelato artigianale, dando prova di indubbie capacità imprenditoriali ed elevate qualità professionali, è stato assegnato per l’edizione 2017 a Ignazio Di Maio di Liège (BELGIO), e alla storica Famiglia Vivoli di Firenze (ITALIA). La consegna del premio avverrà domenica 3 dicembre (ore 10.30, Centro Congressi) nel corso della cerimonia inaugurale della 58. MIG – Mostra Internazionale del Gelato Artigianale.

Continua quindi la tradizione che vede premiati sia un gelatiere che una famiglia di gelatieri. Lo scorso anno ad aggiudicarsi il premio erano stati il gelatiere slovacco Abdulbesir Čako di Banská Bystrica e la storica Famiglia De Rocco, oriunda della Val di Zoldo – BL - che dal 1935 si trova a Granada in Spagna.

Ignazio di Maio nasce il 9 maggio del ‘54 in Belgio dove la famiglia, originaria di Castellamare di Stabia in Campania, si era trasferita dal 1948. Dopo l’esperienza maturata nella bottega del padre, nel 1976 apre la sua attività partendo, nella piena tradizione italiana, con il “carretto moderno” (furgone) rimanendo nella città di Liegi. Ma il suo impegno va oltre il solo mestiere. Da vent’anni infatti, fa parte del direttivo della A.R.A.G.F.B. – Association Royale des Artisans Glaciers Francophones Belges, con la quale, attualmente da vicepresidente, promuove e valorizza il gelato artigianale e la professione di Mastro gelatiere.

La gelateria Vivoli nasce come Latteria Vivoli nel lontano 1929. La famiglia viveva a Pelago, un paese situato in Toscana fra pianura e montagna. Erano tempi duri per tutti e uno dei tre fratelli, Serafino, decise di tentare la fortuna trasferendosi a Firenze. Lavorò per qualche tempo “sottoposto”, come si diceva allora, per aprire poi la Latteria in via Isola delle Stinche al n. 3/r, nell’allora popolare rione di Santa Croce. Gli affari andavano bene e tutta la famiglia lo raggiunse a Firenze. L’arrivo del fratello Raffaello dette un ulteriore impulso all’attività che nel 1930 decise di cimentarsi con il gelato. Superato il difficile periodo della seconda guerra mondiale, le attività commerciali riprendevano lentamente a prosperare, ma tutto sembra drammaticamente interrompersi il 4 novembre del 1966; l’alluvione di Firenze spazzerà via buona parte della città. La gelateria Vivoli, sempre situata in via dell’Isola delle Stinche, seguirà la sorte di tutto il rione, una delle zone più colpite dalla tragedia. Piero Vivoli e la sua famiglia con la solita tenacia, si rimboccarono le maniche e dopo solo due settimane furono in grado di riaprire il negozio. Negli anni ‘70 studenti italiani e stranieri, artisti, motociclisti, famiglie intere, si davano appuntamento dal Vivoli per il gelato del dopo cena e della notte. Le guide turistiche americane, inglesi, francesi, tedesche cominciarono ad indicare la gelateria come un luogo da non perdere nella visita della città. Oggi siamo alla terza generazione di Vivoli alla guida della gelateria. Le figlie di Piero, Silvana e Patrizia, con il marito Simone e l’aiuto di mamma Simonetta, continuano la tradizione del buon gelato con immutata passione. Ma Patrizia e Simone hanno due figli, Lorenzo e Giulia, che stanno cominciando ad appassionarsi a questo bellissimo mondo del gelato. Una quarta generazione di gelatieri Vivoli farebbe sicuramente piacere a molti estimatori del buon gelato.

Approfondimenti
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft

Spesso le differenze tra gelato artigianale, gelato industriale e gelato soft non sono a tutti note, sebbene in Italia la presenza di un gran numero di gelaterie artigianali e una storica cultura del gelato faciliti questa distinzione.

L’ossidazione e la conservazione del gelato
L’ossidazione e la conservazione del gelato

L’ossidazione è una reazione chimica durante la quale si verifica una perdita di qualità causata dalla combinazione con l’ossigeno. Tale reazione causa una degradazione irreversibile che a sua volta comporta un’alterazione delle proprietà e delle caratteristiche del gelato.

Per un buon gelato alle castagne
Per un buon gelato alle castagne

Come per ogni altro lavoro artigianale, anche per il gelato, in questo caso alle castagne, è necessario conoscere molto bene le materie prime e i semilavorati, la loro funzione oltre che il processo produttivo.

Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato
Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato

Gli ingredienti composti per gelato, precedentemente identificati come “semilavorati per gelateria” sono delle miscele di ingredienti in polvere o in pasta che affiancano il gelatiere nella preparazione delle miscele (stabilizzazione) e nella loro aromatizzazione.

Il bilanciamento
Il bilanciamento

Nel gelato vi sono molti ingredienti, ciascuno con proprietà molto differenti, che devono essere miscelati  secondo regole ben precise, facendo in modo che siano in equilibrio fra loro. 

Gelato di vino
Gelato di vino

Al Moscato d'Asti, al Recioto di Soave, al Marsala e chi può ne ha più ne metta, tanti quanto ce ne possono stare nelle decine di doc e docg italiane. Una moda passeggera, quella dei gelati al gusto di vino? Non proprio, se pensiamo che alcune ricette risalgono a qualche secolo fa...

Il gelato di frutta
Il gelato di frutta

Il gelato di frutta ha caratteristiche peculiari di composizione e di gusto che richiedono una lavorazione diversa da quella degli altri gelati artigianali. In particolare, per esaltare il sapore del frutto fresco, si cerca di evitare del tutto la pastorizzazione o perlomeno di condurla a bassa temperatura; se si accetta di rinunciare alla cremosità del gelato a favore di un gusto più spiccato della materia prima, poi, si sceglierà di fare dei sorbetti invece che del gelato.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limoneUna ricetta che tutti possiamo mettere in pratica in occasione di una cena, la quali preveda magari piatti elaborati e non proprio leggeri, è quella del sorbetto al limone. Utile per dar sollievo agli stomaci dei commensali, fornire uno stacco piacevole tra una portata e l'altra o per chiudere una cena con un dessert di facile preparazione.
Crepes: la ricetta base
Crepes: la ricetta baseLe crepes sono tra le preparazioni dolciarie più adatte ad accompagnare un buon gelato artigianale e sono molto semplici da eseguire. Ecco la ricetta per cucinare da 10 a 15 crepes dolci, a seconda della grandezza della padella utilizzata.
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianale
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianalePer un gelato artigianale che vanti qualità elevate conta moltissimo la modalità di conservazione. Senza trascurare gli accorgimenti per esporre il prodotto finito nel modo migliore e non comprometterne le caratteristiche di bontà e forma.
Up Arrow