Per fare business ci vuole naso!

Per fare business ci vuole naso!

È possibile spingere il consumatore a decidere di acquistare un prodotto piuttosto che un altro o ad aumentare la sua previsione di spesa?

Il marketing cosiddetto “esperienziale” nasce alla fine degli anni ’90, quando si intuisce che l’attenzione del consumatore e la sua disponibilità di spesa non sono legate solo ad aspetti razionali. 
Anche se la soddisfazione scaturita dalla valutazione oggettiva del prodotto costituisce un elemento chiave dell’esperienza, le conseguenze delle scelte del consumatore dipendono anche dal piacere provato in fase di acquisto. Tra tutti e cinque i sensi l’olfatto agisce in un modo che si può definire quasi magico. Infatti colpisce direttamente nell’animo, ha qualcosa di primitivo ed emozionale che la razionalità non può domare e rimanda in un istante a situazioni già vissute e a sensazioni già provate, è un qualcosa di sottile che ci disgusta o ci fa innamorare, si insinua silenziosamente nelle nostre preferenze e diventa la pedina essenziale nel giudizio su un ambiente, un indumento, su una portata al tavolo di un ristorante, su una persona.
L’olfatto è l’unico tra i cinque sensi che va direttamente al cervello e si imprime a lungo nella memoria; un odore può causare una reazione istantanea di piacere, disgusto, eccitazione ed è per questo che gli odori sono potenti media.

Il marketing olfattivo si basa proprio su questo potere evocativo: un modo nuovo per imprimere il marchio di un’azienda, il suo brand, nella memoria del consumatore riuscendo a richiamare,anche solo per un attimo, sensazioni, ricordi, esperienze che contribuiranno in modo determinante alla scelta di quel prodotto che ne ha stimolato i sensi.

Naturalmente non parliamo di semplice profumazione ambientale ma di essenze scelte con cura per indirizzare l’attenzione del cliente-consumatore e imprimere un ricordo piacevole e indelebile legato al nostro marchio. Molte grandi aziende lo fanno da tempo nei propri punti vendita, Sony ha scelto vaniglia e mandarino per trattenere la clientela, la catena Sheraton un mix di gelsomino, chiodi di garofano e fico mentre un famoso marchio legato ai diamanti, si è fatto creare un’essenza esclusiva per mettere a proprio agio la clientela.

Non vi resta che decidere se provare anche nella vostra gelateria a prendere, oltre che per la gola, i clienti "per il naso" così che possano ogni volta riconoscere nel vostro prodotto il profumo della felicità.

Leggi anche: Musica in negozio: quale? Quali sono le normative?

Approfondimenti
I 12 consigli per aprire una gelateria di successo nel Regno Unito | Parte 2
I 12 consigli per aprire una gelateria di successo nel Regno Unito | Parte 2

La Camera di Commercio Italiana per il Regno Unito – in collaborazione con partner professionisti nei settori giuridico, commerciale, finanziario e marketing – offre consulenze strategiche per conoscere meglio il mercato e muovere i primi passi nella costruzione del nuovo business.

I 12 consigli per aprire una gelateria di successo nel Regno Unito | Parte 1
I 12 consigli per aprire una gelateria di successo nel Regno Unito | Parte 1

Tutti i consigli degli esperti per un business in UK.

Aprire una gelateria
Aprire una gelateria

Requisiti, procedure e certificati per aprire una gelateria.

Da Milano agli States con un sogno: aprire la migliore gelateria ad ovest dell’Italia
Da Milano agli States con un sogno: aprire la migliore gelateria ad ovest dell’Italia

La rivista americana Duvine ha nominato Gorgeous Gelato come migliore gelato degli Stati Uniti. Mari Grazia Zanardi e Donato Giovine hanno aperto una gelateria a Portland.

Aprire una gelateria in Russia
Aprire una gelateria in Russia

La Russia è un mercato interessante e continua a offrire un'importante opportunità di crescita.

Aprire una gelateria a Dubai
Aprire una gelateria a Dubai

Dubai è sicuramente una delle mete più interessanti da valutare per aprire una gelateria artigianale sebbene in questo emirato il gelato italiano non sia ancora un prodotto di massa. 

Aprire una gelateria negli Stati Uniti
Aprire una gelateria negli Stati Uniti

Sempre più italiani decidono di intraprendere nuove attività all’estero e aprire una gelateria è tra i business di maggiore interesse in questo periodo: può essere remunerativo, non richiede grandi investimenti, si può iniziare in tempi brevi sfruttando il know-how italiano nel settore. 

Aprire una gelateria all'estero
Aprire una gelateria all'estero

Mollo tutto e apro una gelateria ai Caraibi? Un sogno per alcuni, una realtà per altri: l'avvio di un laboratorio artigianale all'estero è tutt'altro che un fenomeno marginale e di certo può costituire un buon investimento, per la vastità del mercato potenziale e per la forza del Made in Italy in ogni sfera della creatività, cucina compresa.

Guida per aprire una gelateria - I Parte
Guida per aprire una gelateria - I Parte

Lo startup (o avvio) di un’impresa è un’operazione molto complessa e delicata, anche se si tratta di una piccola gelateria. La premessa di base è quindi quella di affidarsi ai servizi di specialisti del settore (associazioni di categoria, commercialisti, notai, ecc.) per essere certi di non compiere errori e non avere sgradite sorprese. Da oggi e periodicamente inizieremo a fornirti le informazioni di base che un nuovo imprenditore del gelato deve essere certo di conoscere quando avvia una gelateria. Iniziamo quindi a conoscere il Registro delle Imprese.

Up Arrow