L’abbattitore

L’abbattitore

Gli abbattitori sono oggi dei macchinari di grande utilità in gelateria, con i quali è possibile ottenere dei gelati migliori, ben strutturati e di buona conservazione.

Il processo di abbattimento è un momento delicato durante il quale si deve raffreddare velocemente l'alimento preservandone intatta la qualità.

All’epoca dei nostri nonni essi disponevano le vaschette (o le carapine) piene di gelato in un grande frigorifero o in una più moderna cella a -20°C e stavano attenti a che le porte non fossero aperte troppo spesso per evitare condensa. Aspettavano che il gelato si compattasse e lo vendevano durante la giornata. Non c’era una grande varietà di gusti fra cui scegliere, i banchi a pozzetto avevano dalle 6 alle 10 carapine, e non c’erano praticamente altre alternative al cono o alla coppa di gelato. Oggi le cose sono molto cambiate: l’offerta base di una gelateria è di 14 gusti, fino a 26 e più. Con una tale offerta è difficile che ogni giorno si esauriscano tutte le vaschette, e più tempo passa più il prodotto si deteriora.
L’abbattitore può aiutare il lavoro del gelatiere e preservare la struttura del gelato più a lungo senza dover ricorrere a stabilizzanti chimici e additivi.

Come funziona?
L'abbattitore è come un potentissimo frigorifero che lavora a basse temperature e con aria ventilata da potenti ventole che eliminano la condensa formata dagli alimenti. Può portare il cuore del prodotto da +90 a + 3 °C (abbattimento rapido  positivo) in meno di 90 minuti, mentre l'abbattimento rapido negativo (detto anche surgelazione rapida) arriva fino a -18°C al cuore del prodotto in 4 ore. Questo è possibile solo con l'abbattitore, il quale, lavorando a temperature di circa -40°C a ventilazione forzata, sottraendo calore ai prodotti, consente un rapido surgelamento evitando la formazione di macrocristalli di ghiaccio. I vantaggi dell'abbattitore rapido di temperatura sono molti e coinvolgono settori diversi fra loro come la panificazione, la pasticceria e la gelateria.

Il gelato perfetto
Per quanto riguarda il settore gelatiero, l'impiego dell'abbattitore porta evidenti vantaggi. Come tutti sappiamo la presenza di micro-bollicine di aria e micro-cristalli di ghiaccio sono alcuni dei fattori della cremosità del gelato. La formazione di macro-cristalli e la separazione di acqua, zucchero e grassi nel tempo, d’altro canto, sono le pecche che caratterizzano il gelato “invecchiato”.
Analizzando una miscela per gelati alla crema si vedrà che essa contiene mediamente dal  60  ad un  62% di acqua, mentre in un gelato o sorbetto alla frutta si sale al 66-68%. L’acqua è presente nella miscela che poi si trasformerà in gelato fresco,o aggiunta dal gelatiere in fase di formulazione. Nel corso della mantecazione, l’acqua contenuta nella miscela, congelandosi, passa dallo stato liquido allo stato solido sotto forma di cristalli. Se è stato correttamente bilanciato, il gelato esce dal mantecatore a una temperatura effettiva di circa -8°C a una media di meno 9°/10°C.

Non tutta l’acqua presente nel gelato all’uscita dal mantecatore, però, si è totalmente congelata. Una parte di acqua, variabile intorno al 30%, rimane ancora presente in forma liquida. Quando mettiamo il gelato a raffreddare in un armadio frigorifero a freddo statico (o direttamente nella vetrina di vendita, che genera un freddo di mantenimento in media dai -10 a -13°C) si formano dei macro cristalli di acqua che, saldandosi tra di loro, formano dei cristalli ancora più grandi, con il rischio di un invecchiamento precoce del gelato e di granulosità. Sono i macrocristalli di ghiaccio, infatti, che appesantiscono la struttura, facendole perdere in poche ore non solo la cremosità, ma anche volume, palatibilità e il gusto tipico del gelato artigianale appena fatto. Per preservare la cremosità e la qualità del gelato “di giornata” è necessario abbattere la temperatura del gelato appena uscito dal mantecatore per facilitare la formazione di una sottile barriera superficiale che impedisce al prodotto di lasciare fuoriuscire l'aria inglobata durante la mantecatura.
Portando la temperatura del cuore del prodotto a -18°C e poi portarlo a stabilizzarsi alla temperatura della vetrina espositiva si avrà un gelato compatto e cremoso stabile nel tempo.

Anche per la vendita sicura in giornata è consigliato un breve passaggio del prodotto in abbattitore: portarlo nella macchina appena uscito dal mantecatore, per 8 o 10 minuti, ne previene lo scioglimento precoce della superficie a contatto con l’aria, permettendo di dare sviluppo in altezza, senza il rischio che il gelato crolli vistosamente, ma mantenendo compattezza e cremosità  per tutta la nostra giornata lavorativa.

A chi serve?
Gli abbattitori sono usati nei laboratori di gelateria soprattutto per produrre pasticceria fredda e gelato in grandi pezzature. Può anche essere usato per surgelare la frutta scelta di stagione, matura al punto giusto e al tempo stesso meno cara, da usare poi tutto l’anno per gelati e sorbetti.

In conclusione: l’uso dell’abbattitore non è obbligatorio, ma è sicuramente un acquisto da prendere in considerazione per il successo una gelateria artigianale.

L’abbattitore
Approfondimenti
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft

Spesso le differenze tra gelato artigianale, gelato industriale e gelato soft non sono a tutti note, sebbene in Italia la presenza di un gran numero di gelaterie artigianali e una storica cultura del gelato faciliti questa distinzione.

L’ossidazione e la conservazione del gelato
L’ossidazione e la conservazione del gelato

L’ossidazione è una reazione chimica durante la quale si verifica una perdita di qualità causata dalla combinazione con l’ossigeno. Tale reazione causa una degradazione irreversibile che a sua volta comporta un’alterazione delle proprietà e delle caratteristiche del gelato.

Per un buon gelato alle castagne
Per un buon gelato alle castagne

Come per ogni altro lavoro artigianale, anche per il gelato, in questo caso alle castagne, è necessario conoscere molto bene le materie prime e i semilavorati, la loro funzione oltre che il processo produttivo.

Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato
Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato

Gli ingredienti composti per gelato, precedentemente identificati come “semilavorati per gelateria” sono delle miscele di ingredienti in polvere o in pasta che affiancano il gelatiere nella preparazione delle miscele (stabilizzazione) e nella loro aromatizzazione.

Il bilanciamento
Il bilanciamento

Nel gelato vi sono molti ingredienti, ciascuno con proprietà molto differenti, che devono essere miscelati  secondo regole ben precise, facendo in modo che siano in equilibrio fra loro. 

Gelato di vino
Gelato di vino

Al Moscato d'Asti, al Recioto di Soave, al Marsala e chi può ne ha più ne metta, tanti quanto ce ne possono stare nelle decine di doc e docg italiane. Una moda passeggera, quella dei gelati al gusto di vino? Non proprio, se pensiamo che alcune ricette risalgono a qualche secolo fa...

Il gelato di frutta
Il gelato di frutta

Il gelato di frutta ha caratteristiche peculiari di composizione e di gusto che richiedono una lavorazione diversa da quella degli altri gelati artigianali. In particolare, per esaltare il sapore del frutto fresco, si cerca di evitare del tutto la pastorizzazione o perlomeno di condurla a bassa temperatura; se si accetta di rinunciare alla cremosità del gelato a favore di un gusto più spiccato della materia prima, poi, si sceglierà di fare dei sorbetti invece che del gelato.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limoneUna ricetta che tutti possiamo mettere in pratica in occasione di una cena, la quali preveda magari piatti elaborati e non proprio leggeri, è quella del sorbetto al limone. Utile per dar sollievo agli stomaci dei commensali, fornire uno stacco piacevole tra una portata e l'altra o per chiudere una cena con un dessert di facile preparazione.
Crepes: la ricetta base
Crepes: la ricetta baseLe crepes sono tra le preparazioni dolciarie più adatte ad accompagnare un buon gelato artigianale e sono molto semplici da eseguire. Ecco la ricetta per cucinare da 10 a 15 crepes dolci, a seconda della grandezza della padella utilizzata.
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianale
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianalePer un gelato artigianale che vanti qualità elevate conta moltissimo la modalità di conservazione. Senza trascurare gli accorgimenti per esporre il prodotto finito nel modo migliore e non comprometterne le caratteristiche di bontà e forma.
Up Arrow