L’apporto calorico del gelato artigianale

L’apporto calorico del gelato artigianale

Il gelato artigianale è un alimento equilibrato, composto da una serie di ingredienti semplici e naturali. In quanto tale ha tutte le caratteristiche nutritive degli alimenti, e quindi proteine, zuccheri, grassi: ovvio quindi che un eccesso di consumo possa influire sulla linea, come per qualsiasi altro cibo. Fare due conti può aiutare a non litigare con la bilancia: ecco come fare.

Si avvicina l’estate, la voglia di gelato si fa sempre più impellente e con essa i soliti dilemmi: “Che dici, mi farà ingrassare? Quante calorie ha? Meglio frutta o creme?”.
In effetti, la questione del contenuto calorico di un gelato è decisamente controversa: la varietà delle composizioni in commercio rendono difficile stabilire uno standard di potere energetico ma questo non significa che sia impossibile calcolare quante calorie ha uno specifico gelato. Semplicemente, occorre contare approssimativamente le calorie dei diversi ingredienti.

In particolare, tale valore dipende dalla percentuale di zuccheri (saccarosio ma anche lattosio e fruttosio), di grassi (latte, panna, grassi vegetali), di proteine (latte, uova, frutta secca).

Ecco una tabella di massima:

  • 1 g di zuccheri = 4 calorie
  • 1 g di grassi = 9 calorie
  • 1 g di proteine = 4 calorie

Va da sé, pertanto, che i gelati alla frutta sono meno calorici di quelli alla crema, che oltre agli zuccheri contengono grassi. Tra i gusti alla frutta, hanno meno calorie i sorbetti rispetto ai gelati (i primi non contengono latte e uova), a patto che non siano eccessivamente dolcificati.

Per fornire qualche esempio pratico, si consideri che un cono al cioccolato da 100 grammi ha circa 240 calorie, alla crema circa 190 calorie, alla frutta 130 calorie (105 per i sorbetti). Se il primo sarà innocuo come pasto leggero in spiaggia o come merenda all'interno di una giornata "ordinata" dal punto di vista alimentare, altrettanto non lo sarà dopo un piatto di pastasciutta e un fritto misto.
Come capita spesso nell'alimentazione come in altre cose della vita, alla fine è soltanto una questione di equilibrio.

Approfondimenti
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft
Differenze tra gelato artigianale italiano, gelato industriale e gelato soft

Spesso le differenze tra gelato artigianale, gelato industriale e gelato soft non sono a tutti note, sebbene in Italia la presenza di un gran numero di gelaterie artigianali e una storica cultura del gelato faciliti questa distinzione.

L’ossidazione e la conservazione del gelato
L’ossidazione e la conservazione del gelato

L’ossidazione è una reazione chimica durante la quale si verifica una perdita di qualità causata dalla combinazione con l’ossigeno. Tale reazione causa una degradazione irreversibile che a sua volta comporta un’alterazione delle proprietà e delle caratteristiche del gelato.

Per un buon gelato alle castagne
Per un buon gelato alle castagne

Come per ogni altro lavoro artigianale, anche per il gelato, in questo caso alle castagne, è necessario conoscere molto bene le materie prime e i semilavorati, la loro funzione oltre che il processo produttivo.

Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato
Gli ingredienti composti per la preparazione del gelato

Gli ingredienti composti per gelato, precedentemente identificati come “semilavorati per gelateria” sono delle miscele di ingredienti in polvere o in pasta che affiancano il gelatiere nella preparazione delle miscele (stabilizzazione) e nella loro aromatizzazione.

Il bilanciamento
Il bilanciamento

Nel gelato vi sono molti ingredienti, ciascuno con proprietà molto differenti, che devono essere miscelati  secondo regole ben precise, facendo in modo che siano in equilibrio fra loro. 

Gelato di vino
Gelato di vino

Al Moscato d'Asti, al Recioto di Soave, al Marsala e chi può ne ha più ne metta, tanti quanto ce ne possono stare nelle decine di doc e docg italiane. Una moda passeggera, quella dei gelati al gusto di vino? Non proprio, se pensiamo che alcune ricette risalgono a qualche secolo fa...

Il gelato di frutta
Il gelato di frutta

Il gelato di frutta ha caratteristiche peculiari di composizione e di gusto che richiedono una lavorazione diversa da quella degli altri gelati artigianali. In particolare, per esaltare il sapore del frutto fresco, si cerca di evitare del tutto la pastorizzazione o perlomeno di condurla a bassa temperatura; se si accetta di rinunciare alla cremosità del gelato a favore di un gusto più spiccato della materia prima, poi, si sceglierà di fare dei sorbetti invece che del gelato.

Sorbetto al limone
Sorbetto al limoneUna ricetta che tutti possiamo mettere in pratica in occasione di una cena, la quali preveda magari piatti elaborati e non proprio leggeri, è quella del sorbetto al limone. Utile per dar sollievo agli stomaci dei commensali, fornire uno stacco piacevole tra una portata e l'altra o per chiudere una cena con un dessert di facile preparazione.
Crepes: la ricetta base
Crepes: la ricetta baseLe crepes sono tra le preparazioni dolciarie più adatte ad accompagnare un buon gelato artigianale e sono molto semplici da eseguire. Ecco la ricetta per cucinare da 10 a 15 crepes dolci, a seconda della grandezza della padella utilizzata.
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianale
5 parte - Conservazione ed esposizione del gelato artigianalePer un gelato artigianale che vanti qualità elevate conta moltissimo la modalità di conservazione. Senza trascurare gli accorgimenti per esporre il prodotto finito nel modo migliore e non comprometterne le caratteristiche di bontà e forma.
Up Arrow